Piccolo spazio creatività parte I

“Piccolo spazio creatività – parte I” (installazione, tessere di legno decorate a mano e calamitate su pannello metallico 50x50cm).

Nell’opera Piccolo Spazio Creatività n.1 si compie una timida proposta di fusione tra la poetica ispirata alla revisione dell’antico in chiave pop e quella della partecipazione attiva dello spettatore.

Daniela Musone continua con l’idea di scomporre attraverso tessere e frammenti l’immagine, ma questa volta ci gioca e chiama lo spettatore a fare altrettanto. Per mezzo di calamite la Gioconda iperpop di Daniela diventa un campo di sfida alla creatività di tutti: chiunque può impostarel’immagine seguendo colori e forme differenti. La dimensione ludica accompagna la revisione della memoria culturale condivisa attraverso strumenti semplici e di facile impiego.

Come diceva Einstein: “La creatività è contagiosa. Trasmettila”

Sentimi

“Sentimi” (60×60 cm tecnica mista su tela con inserti di tessuto).

Avrei voluto che questo mio occhio fosse veramente uno specchio dell’anima, immagine della mia sfera interiore e di ciò che va oltre, ma non ho saputo resistere alla tentazione di truccarlo, di aggiungere del glamour e di barare sulla tonalità di verde. Nasce allora l’idea di aggiungere degli inserti di tessuto per poterlo toccare e percepirlo con altri sensi. È un invito ad andare oltre alle apparenze, ad abituarci a vedere anche quello che è nascosto, a sentire anche quello che non viene detto e a comprendere la realtà e le persone attraverso tutti i sensi. Allora quest’occhio diventa uno specchio che riflette la tua immagine e il mondo di te che lo guardi.

 

Come tu mi vuoi

“Come tu mi vuoi” (installazione, tecnica mista su tela calamitata, pannello in acciaio 105 x 105 cm, 25 tele 20 x 20 cm).

La personalità di ognuno dispone di molteplici modi per esprimersi, è mutevole e si adatta spesso alla persona che ha di fronte. Allo stesso modo l’osservatore ha a disposizione infinite possibilità per creare la propria realtà: l’occhio di chi guarda decide con libertà come leggere un’opera d’arte che di conseguenza cambia continuamente insieme alla sua concezione e relativa interpretazione.

Come tu mi vuoi si propone di rendere questo processo attraverso il puzzle di un volto. L’osservatore diventa attore, cambia la disposizione delle tessere e plasma sempre diversamente la struttura muovendosi e giocando le proprie percezioni all’interno di un campo d’opera aperta.

Le foreste di Woodstock

(“Le foreste di Woodstock” 80×80 cm tecnica mista su tela)

“Le foreste di Woodstock” è frutto di una performance di pittura dal vivo, “Synesthesy”, dove i linguaggi espressivi della musica e della pittura si fondono in un’esperienza che coinvolge i diversi sensi ed è frutto di un gioco di illusioni, con elementi a prima vista invisibili. Da definizione “è invisibile ciò che per essere ben nascosto o mascherato, non appare esternamente o sfugge all’occhio”. Leggi tutto “Le foreste di Woodstock”

The wall

(“The wall” 94×104 cm tecnica mista su tela e inserto di pianta stabilizzata)

L’opera, una rielaborazione de “L’urlo” di Munch, è composta da 15 tele dipinte con tecnica mista appese su pannello retrostante di legno con inserto di pianta stabilizzata. Rappresenta lo sgomento dell’essere umano che ha cementificato tutto il pianeta di fronte ad una natura che si vuole riprendere il suo posto e nello stesso tempo è l’emergere della parte più istintiva e naturale presente in ognuno di noi che non vuole rimanere costretta all’interno di maschere e confini.

Il mistero della vita

 

(“Il mistero della vita”: serie composta da 4 tele, “L’incontro”, “In grembo”, “Cloni” e “Discendenze” dipinte con tecnica mista su tela 50×50 cm)

Dall’incontro tra l’uomo e la donna, passando per il grembo materno e la divisione cellullare, il mistero della vita che non smette mai di affascinare e il microcosmo nascosto all’interno del corpo umano.

Banditi

(“Banditi parte I-II-III-IV”: 4 tele 60×60 cm acrilico e mosaico su tela)

Adoro i mugshot famosi, testimonianze uniche della vita delle grandi rockstar e delle loro epoche storiche, e da qui l’idea di “Banditi parte I-II-III- IV” dove il mosaico in vetro opalino iridescente va a impreziosire la tela in bianco e nero, a sottolineare con il suo luccicchio l’aurea di celebrità che aleggia intorno a questi musicisti ribelli, di cui l’arresto è quasi un coronamento.

“Banditi parte I- Morrison” (60×60 cm mosaico e acrilico su tela) trae spunto dal celebre arresto di Jim Morrison, l’1 Marzo del 1969. Il Leader carismatico e frontman della band statunitense The Doors, si era, pare, ma non è confermato dalle testimonianze, denudato sul palco. Denunciato per atti osceni in luogo pubblico, non si era presentato in aula per affrontare il caso. Ma cosa ci si aspetta da James Douglas, per tutti “Jim” Morrison, il “profeta della libertà” e poeta maledetto, una delle figure più seducenti della storia della musica e uno dei massimi simboli dell’inquietudine giovanile? A noi piace ricordarlo così, in preda alla foga del rock, all’alcol e alla sua ansia di libertà. Leggi tutto “Banditi”

Inside me

“Inside me” (installazione,  acrilico e mosaico su tela 120×70 cm)

Il viaggio simbolico nella mia psiche viene accompagnato da un delirio psichedelico fatto di giochi di colori che creano illusioni di movimento.

Andando in profondità nel mio io, trovo il centro nascosto dei miei pensieri fatto di tessere di mosaico, sintomo di una necessità continua di riflettermi e di esporre le mie pulsioni interne alla rivelazione e alla verità.

Il viaggio negli abissi della nostra psiche quasi a perderne il controllo, il rischio terribile e spaventoso a cui tutti siamo esposti che rende tangibile la nostra fragilità e che ci obbliga ad affrontare le parti più nascoste, può però diventare una grande occasione per vedere e ritrovare se stessi.

 

 

 

Matrix

“Matrix” (installazione, tecnica mista su tela 150×100 cm, inserti di tessere specchiate)

Il mondo che conosciamo viene sintetizzato visivamente attraverso l’utilizzo delle cartine geografiche. Tuttavia l’immagine dell’emisfero terrestre che si è stampata nella nostra mente è frutto di una stratificazione secolare di interpretazioni simboliche del reale appartenenti alle culture ad oggi più forti che hanno nel tempo sclerotizzato una comprensione visivo/simbolica imparziale e frutto di pure percezioni.

Tutto ciò che ci circonda è frutto della percezione dell’uomo che viene rielaborata e filtrata dalla nostra cultura per permetterci di poter interagire con l’altro, con altre culture, con altri pensieri. Il gioco di specchi dell’opera Matrix ricalca proprio queste riflessioni e porta lo spettatore a rimettere in discussione la propria interpretazione attraverso il riverbero della propria immagine nello spazio dei diversi continenti.

Waiting…

“Waiting” (installazione 100×80 cm acrilico e mosaico su tela – anno 2017)

In “Waiting” immagino che Tom Waits sia in attesa dell’ispirazione in una pizzeria o tavola calda, i luoghi da lui frequentati in veste di sguattero prima di diventare il grande cantore del fallimento del sogno americano.
Le storie di Waits, e soprattutto i suoi personaggi, sono figli di questo sguardo: emarginati per sventura o per scelte sbagliate, attendono un incontro con qualcuno che li abbracci, sono vagabondi, anime erranti senza meta, “rain dogs”. “Waiting” -100×80 cm acrilico e mosaico su tela)In “Waiting” (acrilico e mosaico su tela 100×80) immagino che Tom Waits sia in attesa dell’ispirazione in una pizzeria o tavola calda, i luoghi da lui frequentati in veste di sguattero prima di diventare il grande cantore del fallimento del sogno americano.
Le storie di Waits, e soprattutto i suoi personaggi, sono figli di questo sguardo: emarginati per sventura o per scelte sbagliate, attendono un incontro con qualcuno che li abbracci, sono vagabondi, anime erranti senza meta, “rain dogs”.

Ma ecco la svolta: una sera, seduto di fronte al pianoforte della pizzeria in cui lavora a National City, Waits accenna alcuni classici degli anni ’40 e ’50 e conquista il suo primo pubblico, composto da famiglie affamate e senza pretese che ridono, si commuovono e rimangono a sentire. Il proprietario gli propone di ripetere la performance ogni sera per pochi dollari. Nel giro di qualche anno waits suona sempre più spesso sui palchi dei localacci di Los Angeles, accompagnato da una banda di jazzisti fuori di testa come lui e scrive del mondo di disperati che gli passa davanti ogni sera, di sbronze colossali, prostitute, barboni, poeti improvvisati e falliti.

Questo quadro non può mancare nella tua collezione se come me:

1. Adori le biografie degli artisti e ti perdi nei dettagli delle loro storie: gli inizi incerti, la parabola in ascesa, talvolta le battute d’arresto ma sempre la coerenza che distingue i più grandi.

2. Pensi che la creatività possa essere incanalata in forme diverse e Waits, attore, cantante e poeta ce lo ricorda.

3. Provi simpatia per chi come lui è diventato una star senza mai essere un divo perchè ha scelto subito da che parte stare: tra i vinti, gli sconfitti, la gente dei bassifondi. Se leggi Bukowsky o Raimond Carver ti vengono alla mente i brani di Tom Waits e viceversa, tutti così lontani dall’America Hollywoodiana e vincente a cui siamo abituati. Waits non parla mai direttamente dell’America, o del mondo plastificato raccontato dai colleghi, uno tra tutti Bruce Springsteen, ma di fatto distrugge disco dopo disco le grandi promesse del “Boss” e porta a galla l’inganno del sogno americano.

4. Sai che la vita è fatta anche di attese e l’attesa non è un semplice aspettare, ma è anche un “tendere a” e soprattutto un’occasione per riflettere se veramente quello che desideriamo ha un senso per noi e se siamo disposti ad eventuali sacrifici per raggiungerlo.

Nel quadro che lo raffigura mi piace pensare che abbia tra le mani il testo di una sua canzone, magari “I can’t wait to get off work”, quella dello spazzino che aspetta di finire il turno di notte per incontrare la sua amata e, appoggiato alla ramazza, fa bene il suo lavoro pensando a lei…
PASSA ALLA VERSIONE A PAGAMENTOAnteprima Snippet

Waiting | Sounvas art

http://www.sounvas.com/quadri/waiting/Articolo su Tom Waits e quadro di Daniela Musone realizzato in acrilico e mosaico su telaTitolo
characters. Most search engines use a maximum of 60 chars for the titolo.DescrizioneArticolo su Tom Waits e quadro di Daniela Musone realizzato in acrilico e mosaico su tela
characters. Most search engines use a maximum of 160 chars for the descrizione.NOINDEX this page/postNOFOLLOW this page/postDisattiva su questo articolo/pagina ParagrafoInizia con il blocco di costruzione predefinito di tutta la narrativa.Dimensione carattereCapolettera

Attiva per mostrare una grande lettera iniziale.Cerca un blocco

Ma ecco la svolta: una sera, seduto di fronte al pianoforte della pizzeria in cui lavora a National City, Waits accenna alcuni classici degli anni ’40 e ’50 e conquista il suo primo pubblico, composto da famiglie affamate e senza pretese che ridono, si commuovono e rimangono a sentire. Il proprietario gli propone di ripetere la performance ogni sera per pochi dollari. Nel giro di qualche anno waits suona sempre più spesso sui palchi dei localacci di Los Angeles, accompagnato da una banda di jazzisti fuori di testa come lui e scrive del mondo di disperati che gli passa davanti ogni sera, di sbronze colossali, prostitute, barboni, poeti improvvisati e falliti.

Questo quadro non può mancare nella tua collezione se come me:

1. Adori le biografie degli artisti e ti perdi nei dettagli delle loro storie: gli inizi incerti, la parabola in ascesa, talvolta le battute d’arresto ma sempre la coerenza che distingue i più grandi.

2. Pensi che la creatività possa essere incanalata in forme diverse e Waits, attore, cantante e poeta ce lo ricorda.

3. Provi simpatia per chi come lui è diventato una star senza mai essere un divo perchè ha scelto subito da che parte stare: tra i vinti, gli sconfitti, la gente dei bassifondi. Se leggi Bukowsky o Raimond Carver ti vengono alla mente i brani di Tom Waits e viceversa, tutti così lontani dall’America Hollywoodiana e vincente a cui siamo abituati. Waits non parla mai direttamente dell’America, o del mondo plastificato raccontato dai colleghi, uno tra tutti Bruce Springsteen, ma di fatto distrugge disco dopo disco le grandi promesse del “Boss” e porta a galla l’inganno del sogno americano.

4. Sai che la vita è fatta anche di attese e l’attesa non è un semplice aspettare, ma è anche un “tendere a” e soprattutto un’occasione per riflettere se veramente quello che desideriamo ha un senso per noi e se siamo disposti ad eventuali sacrifici per raggiungerlo.

Nel quadro che lo raffigura mi piace pensare che abbia tra le mani il testo di una sua canzone, magari “I can’t wait to get off work”, quella dello spazzino che aspetta di finire il turno di notte per incontrare la sua amata e, appoggiato alla ramazza, fa bene il suo lavoro pensando a lei…