About me

Autoritratto (100×70 cm su tela)

Questa sono io, Daniela Musone, e questo è il mio primo autoritratto.

Orgogliosamente autodidatta, mi sento di poter dire che non ho scelto volontariamente la pittura ma in un certo senso la pittura ha scelto me e qualcosa mi frena tutt’ora dall’approcciarmi ad essa in modo accademico, preferendo affidarmi alla mia saggezza interiore, come se le mie mani sapessero esattamente quali pennelli usare e come muoversi, al di fuori di tecniche e stili predefiniti.

Come artista partecipo a diverse mostre collettive con una produzione che è frutto della commistione di diverse tecniche e materiali (fluid painting, pittura acrilica e ad olio, bubble painting, mosaico in vetro…) e tende all’equilibrio tra spontaneità e controllo del gesto. Alcune mie opere sono visibili e acquistabili sul sito della galleria on line più famosa a livello internazionale, Saatchi art, https://www.saatchiart.com/account/artworks/1339463

La mia arte è sempre un’immagine del dialogo intimo tra la mia persona e il mio essere, tra me e il mio contesto e tra me e l’Uno, con lo scopo ultimo di generare una riflessione più ampia di significato comunitario e un dialogo dove la sfera individuale e quella universale coincidono. L’atto creativo è per me uno spazio-tempo in cui ritrovo coerenza tra il dire e il fare, una corrispondenza tra il sembrare e l’essere, un’aderenza assoluta a ciò che si è.

Per questi motivi ho scelto di aderire ad un movimento artistico, il Movimento Arte Spirituale, che riunisce artisti di diverse regioni d’italia accomunati dall’esigenza di voler donare il proprio contributo per il bene collettivo attraverso l’arte. Attraverso l’organizzazione di mostre collettive, la partecipazione a fiere d’arte e progetti rivolti al grande pubblico, intendiamo donare ad ogni visitatore un bel  ricordo, una nuova esperienza, un’occasione di crescita personale e di riflessione.

La mia esperienza di danzeducatore, cioè insegnante di danza in contesti comunitari, mi ha portato anche ad approfondire la relazione tra il movimento danzato e altri linguaggi artistici, in particolare il segno grafico, e ad avvicinarmi alla performance art e a tutta l’arte partecipativa.

Nasco come la pittrice che cattura l’anima dei musicisti su tela, perchè i miei primi lavori raffiguravano i giganti della musica rock, folk e blues degli anni ’60-’70, incredibilmente affascinata come sono dalla loro musica, traboccante di passioni e ideali e da tutta l’iconografia che ruota attorno a quegli anni.

Ho dipinto il mio primo quadro perchè desideravo avere in casa una tela personalizzata per dimensioni, colori e materiali che raffigurasse il grande chitarrista Jimi Hendrix e nel web non trovavo nulla che facesse al caso mio dato che mi imbattevo per lo più in stampe di  tipo industriale e non adatte ai miei spazi.

Per non accontentarmi e memore di una vecchia passione che avevo rinchiuso in un cassetto, ho provato a dipingere personalmente il quadro che desideravo.
Questa è senza troppi giri di parole l’epifania che mi ha portato al primo lavoro, a cui sono tutt’ora particolarmente affezionata, e da qui il desiderio di far lo stesso per altri…

Perciò se anche tu sei appassionato/a di musica e vuoi imprimere il volto del tuo artista preferito o quello di una persona amata su una tela che si inserisca armoniosamente nell’ambiente in cui viene ospitata, ora sai che puoi rivolgerti a me per soddisfare questa tua esigenza! ;-).

Ti ringrazio molto per il tempo che hai dedicato alla lettura e se ti rimane qualche dubbio visita anche la pagina Your painting all’interno del blog,

This is me, Daniela Musone, and this is my first self-portrait.

Proudly self-taught, I think I did not voluntarily choose painting but in a certain way is painting that chose me and there is something that still holds me back from approaching it in an academic way, preferring to rely on my inner wisdom, as if my hands knew exactly which brushes to use and how to move, outside of predefined techniques and styles.

As an artist I take part in several collective exhibitions with a production that is the result of the mixture of different techniques and materials (fluid painting, acrylic and oil painting, bubble painting, glass mosaic …) and tends to the balance between spontaneity and control of the gesture. Some of my works are visible and purchasable on the website of the most famous online gallery in the world, Saatchi art, https://www.saatchiart.com/account/artworks/1339463

My art is always an image of the intimate dialogue between my person and my being, between me and my context and between me and the One, with the ultimate aim of generating a wider reflection of community meaning and a dialogue where the individual and the universal sphere coincide. For me the creative act is a space-time in which I find coherence between saying and doing and  an absolute adherence to what one is.

For these reasons I chose to join an artistic movement, the Spiritual Art Movement, which brings together artists from different regions of Italy united by the need to want to donate their contribution to the collective good through art. Through the organization of group exhibitions, participation in art fairs and projects aimed at the general public, we intend to give each visitor a beautiful memory, a new experience, an opportunity for personal growth and reflection.

My experience as a dance teacher, that is a dance teacher in community contexts, also led me to deepen the relationship between the danced movement and other artistic languages, in particular the graphic sign, and to get closer to performance art and all participatory art.

Someone once also called me the painter who captures the soul of musicians on canvas, because my first works depicted the giants of rock, folk and blues music of the 60s and 70s, incredibly fascinated as they are by their music, overflowing with passions and ideals and all the iconography that revolves around those years.

I painted my first painting because I wanted to have at home a personalized canvas for dimensions, colors and materials that depicted the great guitarist Jimi Hendrix and on the web I didn’t find anything that suited me, since I came across mostly industrial-type prints and not suited to my spaces.

In order not to be satisfied and mindful of an old passion that I had locked up in a drawer, I tried to personally paint the picture I wanted.
This is without too many words the epiphany that led me to my first job, to which I am still particularly fond, and hence the desire to do the same for others …

So if you are passionate about music and want to impress the face of your favorite artist or that of a loved one on a canvas that fits harmoniously into the environment in which it is hosted, now you know you can turn to me to satisfy this your need! ;-).

Thank you very much for the time you have spent reading and if you still have some doubts, visit also Il tuo quadro page in the blog,

oppure se usi WhatsApp contattami al 3480137909 o su fb

www.facebook.com/sounvasart

www.instagram.com/saounvasart

o scrivimi direttamente qua:



 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *